Close
    Search Buscar

    Come funziona il pagamento minimo con carta di credito?

    Chi sono io
    Carlos Laforet Coll
    @carloslaforetcoll
    Autore e riferimenti
    Come funziona il pagamento minimo con carta di credito?

    di Team AllYourVideogames | 21 settembre 2022 | Carte di credito |


    Sei a corto di soldi per pagare il conto?

    Guardare come funziona il pagamento minimo della carta di credito e capire se vale la pena ricorrere a questa opzione.  



    La carta di credito può essere un ottimo alleato per le tue finanze.

    Se utilizzato consapevolmente, permette di rateizzare i propri acquisti nei prossimi mesi.

    Ma devi stare attento e pianificare, poiché questo può diventare una seccatura.

    Gli interessi sulle carte di credito sono tra i più alti del mercato.

    Pertanto, è necessario essere attenti alle proprie spese in modo da non soffrire di un accumulo di debiti futuri e non perdere il controllo delle proprie finanze.  

    Ulteriori informazioni: Come pagare le bollette con una carta di credito?

    Per capire come funziona, controlla il significato di alcuni termini e come funzionano i tassi di interesse in questo tipo di transazione.

    Come funziona il pagamento minimo con carta di credito: Revolving Credit

    Quando non sei in grado di pagare l'intero importo sulla fattura della tua carta di credito, puoi pagare solo l'importo minimo o un importo inferiore all'importo totale dovuto e lasciare il resto per la fattura del mese successivo. 


    Inizia così l'utilizzo del credito revolving. 


    Il credito revolving è un prestito personale a breve termine (30 giorni), che può essere utilizzato per pagare il conto della carta.


    Il suo scopo principale è quello di non far negare il tuo nome dal mancato pagamento della fattura ed evitare di bloccare la tua carta.

    Questo tipo di credito può essere utilizzato anche per prelevare contanti utilizzando una carta di credito.

    Non è molto comune, ma è possibile.

    Tuttavia, è necessario essere consapevoli dei rischi che ciò potrebbe comportare in futuro, come i tassi di interesse elevati.

    Il credito revolving si divide in due categorie, che sono: revolving regolare e revolving non regolare:

    rotativo regolare

    Quando l'importo della fattura pagata è compreso tra l'importo minimo pattuito o un importo intermedio, si ha, in pratica, la revolving regolare.

    Le percentuali di interesse sono elevate e possono variare tra le società creditrici. 

    rotativo non regolare

    Quando il consumatore non effettua alcun tipo di pagamento, entra automaticamente nel revolving non regolare e inizia a maturare interessi su interessi.  


    È anche un prestito.

    In questo caso è meno vantaggioso rispetto a quello regolare e puoi comunque avere il tuo nominativo nell'elenco degli inadempienti.

    Vale la pena ricordare che il credito revolving può essere utilizzato su base costante.

    Ma attenzione: il tasso di interesse in questo tipo di transazione varia in media dal 13% al mese e può arrivare a oltre il 300% all'anno.

    Guarda come funziona di seguito. 

    Come funziona il pagamento minimo con carta di credito: Interessi creditizi rotativi

    Questi sono i tassi di interesse che verranno applicati sull'importo residuo della fattura.



    Supponiamo che tu abbia una fattura per un totale di R$ 1.000,00 e non hai i soldi per pagarla.

    L'importo minimo per il pagamento sarà indicato sulla fattura stessa. 

    Puoi pagare solo il minimo, che può variare intorno al 15% dell'importo totale.

    Vale la pena notare che questa percentuale può variare tra gli operatori creditizi. 


    A partire dal 2022, la Banca Centrale ha apportato alcune modifiche alle regole per le carte e ha iniziato a non limitare questa percentuale.

    In questo modo ogni operatore calcola in base al profilo del consumatore. 

    Pertanto, prima di aderire al pagamento minimo, essere a conoscenza di tutte le informazioni contenute nella fattura.

    Conterrà il tasso di interesse che verrà applicato.

    Pertanto, sarai in grado di valutare meglio se vale la pena aderire a questa opzione. 

    Per aiutare i consumatori con le carte di credito, è disponibile un opuscolo della Banca Centrale con tutte le informazioni necessarie per utilizzare al meglio questo strumento.

    Esaminiamo la nostra simulazione per capire come funziona in pratica:

    Importo totale della fattura: BRL 1.000,00
    Importo minimo di pagamento: 15% ovvero R $ 150,00
    Interessi rotativi: 15% am
    Importo residuo per la fattura successiva: R$ 850,00

    In questo caso, gli interessi saranno riscossi sul resto (R$ 850,00).

    Tale operazione si applicherà oltre al revolving interest anche: IOF (Taxes on Financial Operations) mensile dello 0,38% e IOF giornaliero dello 0,0082% (valori fittizi).



    Calcoliamo sull'IOF mensile dello 0,38% e sull'IOF giornaliero dello 0,0082%.

    In questo modo avremo:

    Interessi su revolving: 850,00 x (1+0,15) = BRL 977,50 (cioè BRL 127,50 di interesse)
    IOF mensale: 850,00 x 0,0038 = R$3,23
    IOF giornaliero per 30 giorni = 850,00 x 0,000082 x 30 = BRL 2,09


    Importo da pagare sulla fattura successiva: R$977,50 + R$127,50 + R$3,23 + R$2,09 = R$1.110,32

    Cioè, effettuando il pagamento minimo, in un mese accumulerai una perdita di R $ 260,32. 

    Ma hai ancora altre opzioni di pagamento.

    Uno di questi è già obbligatoriamente descritto nella fattura, che si occupa della rata del tuo debito totale. 

    Come regola generale, se non sei in grado di saldare il debito prima di effettuare il pagamento minimo, controlla se sarai in grado di pagare l'intero importo nel mese successivo.

    Altrimenti, analizza se la rata del debito non ti sta meglio in tasca. 

    Gli interessi sulle rate sono fissi e le commissioni sono inferiori.


    Il problema in questo caso è che il tuo limite è bloccato e man mano che effettui i pagamenti, viene gradualmente rilasciato. 

    Oltre a questa opzione, puoi anche pagare un importo intermedio, che è superiore all'importo minimo stabilito e inferiore all'importo totale.

    In questo modo, sarai in grado di ridurre l'incidenza degli interessi. 

    È importante prestare attenzione alla bolletta.

    Conterrà tutte queste informazioni, compresi i tassi di interesse applicati per ciascuna delle alternative di pagamento.

    Fai i conti e vedi l'opzione migliore per pagare il conto. 

    Un buon strumento per assisterti in questo processo è il Citizen Calculator, disponibile sul sito web della Banca Centrale. 

    Ulteriori informazioni: Calcolatore di interessi composti online: i 5 migliori sul mercato

    Come funziona il pagamento minimo con carta di credito? tramite app

    Se non ricevi la fattura, puoi accedervi tramite l'applicazione del tuo fornitore di credito o tramite il sito web.

    Non c'è bisogno di andare in agenzie o parlare al telefono. 


    Nell'app o sul sito web troverai tutte le opzioni possibili per effettuare il pagamento, informazioni sui tassi di interesse applicati ad ogni transazione e una panoramica di come verranno applicati gli interessi alle fatture successive. 

    Presta attenzione ai valori comunicati per ciascuna opzione, perché sarà attraverso l'importo versato che il tuo operatore individuerà a quale delle proposte hai aderito. 

    Esempio: La tua fattura è stata chiusa con un totale di R$1.000,00 e ti è stato offerto, in alternativa, il pagamento minimo di R$150,00 oa rate, di 1 acconto + 12 rate di R$125,00.

    Una volta che hai queste informazioni e l'accesso al codice a barre della fattura, puoi pagare tramite l'app della tua banca.

    Ricordando che alcuni operatori forniscono anche il QR Code sulla fattura e accettano il pagamento tramite PIX. 

    Nel campo "Valore da pagare", inserisci l'importo esatto corrispondente all'opzione scelta, ricorda che sarà attraverso questo che il tuo operatore individuerà l'alternativa più adatta al tuo budget e la applicherà alla tua prossima fattura.  

    Ora che conosci i metodi applicati a questo tipo di operazioni, capisci che è sempre rischioso aderire a una qualsiasi di queste opzioni, in quanto hanno tassi di interesse esorbitanti che in breve tempo possono diventare una valanga. 

    L'ideale è cercare di tenere traccia delle spese della tua carta di credito, utilizzandola solo quando è veramente necessario, per calcolare bene l'impatto che causerà ogni mese. 

    Come non perdere il controllo e mantenere la tua carta?

    La risposta è abbastanza semplice.

    L'ideale è pagare la bolletta in tempo, senza dipendere da rate o pagamenti minimi.


    Per garantire che ciò avvenga, abbiamo separato alcuni suggerimenti in modo da non cadere in questa trappola:

    Pianifica la tua spesa

    Tieni presente che non puoi spendere più di quanto guadagni.

    Prendi nota di tutto ciò che entra e di tutto ciò che esce.

    In questo modo, vedrai dove stai mettendo i tuoi soldi e sarai in grado di gestirli meglio per tutto il mese.

    Non dimenticare di evidenziare le spese mensili fisse, come acqua, elettricità, gas, internet, telefono, finanziamenti, tra gli altri.

    Sottrai quella fetta dai tuoi guadagni, controlla ciò che è rimasto in contanti e stabilisci un tetto per la tua carta di credito.

    Taglio delle spese

    Ora che sai quanto puoi spendere per la carta senza compromettere le tue entrate, riduci le spese inutili.

    Spesso sono i piccoli importi spesi qua e là che sono i maggiori responsabili del fatto che il tuo conto vada al di sopra di quello che hai messo da parte per pagarlo. 

    Non accumulare carte di credito

    Avere più carte di credito sembra essere vantaggioso, ma in realtà sembra proprio così.

    Se questo è il tuo caso, ti suggeriamo di studiare quale soddisfi meglio le tue aspettative e di annullare gli altri.


    Ulteriori informazioni: Pianificazione finanziaria personale: le 5 migliori app

    Suggerimento extra su come funziona il pagamento minimo con carta di credito

    Se non riesci ad effettuare nessuna delle modalità di pagamento proposte dal tuo operatore, è bene non lasciar correre il debito, perché nel giro di pochi mesi l'importo può diventare estremamente difficile da saldare.

    In questo caso, sarebbe meglio stipulare un prestito busta paga, se rientri in questo profilo.

    In caso contrario, fai una simulazione di un prestito personale e vedi se è fattibile farlo.

    In questo tipo di operazioni i tassi di interesse applicati sono inferiori a quelli del credito revolving.

    È importante notare che diverse società finanziarie e banche forniscono lo strumento per la richiesta di prestito sui loro siti Web e/o applicazioni.

    In molti di essi, oltre alla simulazione, è possibile contrarre il proprio prestito senza uscire di casa.

    Più comfort e convenienza che possono fornirti una soluzione più praticabile per pagare il conto della tua carta.

    Ma attenzione, per evitare debiti inutili, prendi quel tanto che basta per saldare il tuo debito. 

    Sapendo come funziona il pagamento minimo della carta di credito e le altre opzioni offerte, valutali attentamente e assumi solo se ce n'è davvero bisogno.


    Ulteriori informazioni: come estinguere un prestito e pagare meno interessi?


    Aggiungi un commento di Come funziona il pagamento minimo con carta di credito?
    Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.